Art. 10 – Codice Deontologico Chimici

(Approvato in data 11 ottobre 2018)

Rapporti con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici e con l’Ordine territoriale

  1. Il professionista si attiene alle direttive e alle prescrizioni legittimamente dettate nell’esercizio delle competenze istituzionali, dalla Federazione Nazionale e dal Consiglio dell’Ordine territoriale ove è iscritto e riconosce nella Federazione Nazionale e nell’Ordine l’Istituzione che, oltre a tutelare gli interessi generali, tutela l’attività professionale, la dignità e il prestigio della professione.
  2. Il professionista si rapporta con l’Ordine nel pieno rispetto del ruolo e delle funzioni dallo stesso esercitate e si attiene scrupolosamente a quanto previsto dai Regolamenti emanati dalla Federazione Nazionale.
  3. Il professionista presta all’Ordine la più ampia collaborazione al fine di consentire allo stesso di esercitare in modo più efficace il potere-dovere di vigilanza e di controllo e le altre funzioni ad esso demandate dalla legge.
  4. Il professionista doverosamente, partecipa alle assemblee e alle votazioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine territoriale di appartenenza.
  5. Il professionista alla motivata richiesta del Consiglio dell’Ordine territoriale, nel rispetto delle norme sulla privacy comunica i dati e le informazioni riguardanti la propria attività professionale.
  6. Il professionista segnala al Consiglio dell’Ordine territoriale di appartenenza ogni attività, in qualsiasi modo e da chiunque svolta, che sia contraria alla deontologia professionale e lesiva della professione.
  7. Il professionista informa l’Ordine territoriale dei problemi di rilevanza generale inerenti l’attività professionale, specialmente nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e altre professioni.
  8. I Chimici e i Fisici membri della Federazione Nazionale e dell’Ordine territoriale o di altri Organismi Istituzionali o di rappresentanza adempiono al loro ufficio con disponibilità e obiettività. Essi devono partecipare in modo effettivo alla vita della categoria, adempiere ai compiti e alle funzioni loro assegnati e favorire il rispetto e lo spirito di colleganza fra professionisti, stimolando la loro collaborazione e partecipazione in un sistema a rete.
  9. E’ dovere deontologico dell’iscritto partecipare alla vita dell’Ordine territoriale a cui è iscritto.
  10. Al fine della tenuta dell’Albo, il professionista ha il dovere di comunicare senza ritardo al Consiglio dell’Ordine territoriale di appartenenza la costituzione di associazioni tra professionisti o società professionali (STP) ed i successivi eventi modificativi.