Art. 7 – Codice Deontologico Forense

(Approvato in data 31 gennaio 2014)

Responsabilità disciplinare per atti di associati, collaboratori e sostituti

L’avvocato è personalmente responsabile per condotte, determinate da suo incarico, ascrivibili a suoi associati, collaboratori e sostituti, salvo che il fatto integri una loro esclusiva e autonoma responsabilità.