Avvocato

Con la legge 247 del 2012, che ha apportato un’importante opera di riforma per l’intera professione forense, è cambiato il modo con cui gli avvocati in procinto di abilitazione prestano in maniera pubblica il proprio impegno solenne.

Indice

1. La nuova procedura di giuramento
2. Formula giuramento avvocato
3. Percorso per diventare avvocato
4. Cerimonia giuramento 

 1. La nuova procedura di giuramento

Prima dell’introduzione della legge 247 del 2012, l’aspirante avvocato prestava il proprio giuramento dinanzi al magistrato nell’aula di udienza penale. A seguito dell’emanazione della predetta legge, invece, il neo avvocato è tenuto a prestare giuramento dinanzi al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di appartenenza, con il rito che si svolge in seduta pubblica.

2. Formula giuramento avvocato

“Consapevole della dignità della professione forense e della sua funzione sociale, mi impegno ad osservare con lealtà, onore e diligenza i doveri della professione di avvocato per i fini della giustizia ed a tutela dell’assistito nelle forme e secondo i principi del nostro ordinamento”.

3. Percorso per diventare avvocato

Per poter diventare avvocato è necessario intanto conseguire la laurea magistrale in giurisprudenza. Al termine del percorso universitario, per poter accedere alla professione forense è necessario svolgere un periodo di praticantato di mesi diciotto, presso uno studio legale il cui dominus eserciti la professione da almeno cinque anni.
Al termine del periodo di praticantato l’aspirante dovrà sostenere l’esame di stato, che è suddiviso in due fasi, una fase scritta e una orale. Nella fase della redazione di elaborati scritti, il candidato dovrà sostenere tre prove, ovvero:

  • I° prova – parere su una questione di diritto civile;
  • II° prova – parere su una questione di diritto penale;
  • III° prova – redazione di un atto scritto in materia civile o penale.

Se il candidato supera questa prima fase, viene ammesso alla fase orale, che si svolgerà dinanzi a quello che diventerà il suo ordine di appartenenza, e dinanzi al quale dovrà prestare il giuramento in caso di superamento della prova orale.
Nel periodo delle restrizioni imposte per il contenimento della diffusione del covid-19, la struttura dell’esame è stata mutata in due prove orali, ciò al fine di evitare gli importanti assembramenti che si creano nei giorni in cui si svolgono le prove scritte.
Vi è da precisare che il periodo di diciotto mesi può essere ridotto a sei mesi qualora sia stato svolto precedentemente un periodo di tirocinio presso gli uffici giudiziari.

4. Cerimonia giuramento 

La cerimonia del giuramento viene svolta in seduta pubblica e, per prassi, vede la partecipazione di numerosi neo avvocati, accompagnati dai loro familiari. In questa sede viene prestato il giuramento dinanzi ai componenti in carica del proprio Consiglio dell’Ordine, e il nuovo professionista è tenuto ad indossare la toga da avvocato.
La formula del giuramento indicata riportata in precedenza è contenuta nell’art. 8 della legge professionale forense attualmente in vigore.