Art. 10 – Codice Deontologico Guardia di Finanza

(Approvato in data 29 aprile 2016)

Prevenzione della corruzione e scritti anonimi

  1. L’appartenente alla Guardia di finanza rispetta le misure necessarie alla prevenzione degli illeciti nell’Amministrazione.
  2. Fermo restando l’obbligo di denuncia all’Autorità Giudiziaria, l’appartenente al Corpo segnala al proprio superiore gerarchico, anche ai sensi dell’articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, eventuali situazioni di illecito all’interno della Guardia di finanza di cui sia venuto a conoscenza.
  3. In nessun caso l’appartenente al Corpo ricorre allo scritto anonimo, indipendentemente dall’oggetto e dalla veridicità di quanto rappresentato.