Art. 16 – Codice Deontologico Ingegneri

(Approvato in data 1 dicembre 2006)

Attività in forma associativa o societaria

16.1 Nel caso in cui l’attività professionale, anche di tipo interdisciplinare, sia svolta in forma associativa o societaria nei modi e nei termini di cui alle norme vigenti, le prestazioni professionali devono essere rese sotto la direzione e responsabilità di uno o più soci/associati, il cui nome deve essere preventivamente comunicato al committente.
16.2 Gli ingegneri che intendono esercitare l’attività in forma associata, esclusiva o non esclusiva, devono stabilire per iscritto i termini dei reciproci impegni e la durata del rapporto professionale e, nel caso di incarichi congiunti, devono rispettare i campi e i limiti di responsabilità dei singoli membri del collegio o del gruppo ed a dichiarare tali limiti sin dall’inizio della collaborazione
16.3 Nel caso di associazione professionale é disciplinarmente responsabile soltanto l’ingegnere o gli ingegneri a cui si riferiscano i fatti specifici commessi.
16.4 La forma dell’esercizio professionale non muta le responsabilità professionali derivanti dall’operato dell’ingegnere nei confronti della committenza e della collettività. Del comportamento dell’ingegnere nell’ambito dell’attività della società di cui è socio, risponde deontologicamente anche la società iscritta all’Albo.