Art. 52 – Codice Deontologico Medici

(Approvato in data 13 giugno 2014)

Soggetti in stato di limitata libertà personale

Il medico in nessun caso collabora, partecipa o presenzia a esecuzioni capitali, ad atti di tortura, violenza o a trattamenti crudeli, disumani o degradanti.
Il medico non attua mutilazioni o menomazioni non aventi finalità diagnostico-terapeutiche anche su richiesta dell’interessato.