Sezione I – Della forma

(Delibera n. 2/56 del 5 aprile 2008)

47. L’ “atto pubblico” costituisce la forma primaria e ordinaria di “atto notarile”, che il notaio deve generalmente utilizzare nella presunzione che ad esso le parti facciano riferimento quando ne richiedono l’intervento, se non risulti una loro diversa volontà e salvo la particolare struttura dell’atto.
48. L’atto di “autenticazione delle firme” della scrittura privata, comporta in ogni caso per il notaio l’obbligo di tenere i seguenti comportamenti e di osservare le seguenti prescrizioni.
a) Controllare la legalità del contenuto della scrittura e la sua rispondenza alla volontà delle parti, di regola anche mediante la sua lettura alle stesse prima delle sottoscrizioni.
b) Indicare nell’autentica e nel repertorio il luogo del Comune nel quale l’atto è autenticato.
49. Negli atti conservati a raccolta, pubblici o autenticati, deve essere indicata l’ora di sottoscrizione.