Art. 16 – Codice Deontologico Ostetrica

(Approvato in data 19 giugno 2010)

Consenso o dissenso alle cure

Nessun trattamento ostetrico può essere iniziato o proseguito, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge, se privo del consenso libero, attuale, informato e consapevole della persona interessata o del suo rappresentante legale oppure, se la donna lo desidera, di una persona di sua fiducia incaricata di esprimere il consenso in sua vece.
Il consenso informato, acquisito dopo il decorso di un congruo periodo di riflessione e previa verifica della corretta comprensione delle informazioni somministrate, anche ricorrendo all’intervento di una mediatrice culturale ove necessario, è documentato dall’ostetrica/o in forma scritta o attraverso videoregistrazioni o, per la persona con disabilità, attraverso dispositivi che le consentano di comunicare.
Il consenso informato, in qualunque forma espresso, è inserito nella cartella clinica ostetrica e nel fascicolo sanitario elettronico.