Art. 10 – Codice Deontologico Periti Industriali

(Approvato in data 24 gennaio 2013)

L’appartenenza al collegio dell’ordine e l’iscrizione all’Ente di previdenza impongono ai professionisti un dovere di collaborazione.
A tal fine, è dovere dell’iscritto contribuire con la tassa stabilita annualmente dal consiglio del collegio dell’ordine al funzionamento del medesimo. La morosità, derivante dal mancato versamento, costituisce illecito amministrativo, determinando la sospensione a tempo indeterminato dell’iscritto così come previsto dalla Legge 536 del 3 agosto 1949.
È dovere dell’iscritto all’Ente di Previdenza versare la contribuzione previdenziale dovuta. L’irregolarità dei versamenti, ove definitivamente accertata ed esperite tutte le procedure di recupero, costituisce illecito disciplinare.
È dovere dell’iscritto all’Ente di Previdenza osservare gli adempimenti disciplinati dal Regolamento dell’Ente di previdenza. Gli inadempimenti di tali obblighi, esperite tutte le procedure previste dal regolamento dell’Ente di Previdenza, costituisce illecito disciplinare.
Ogni iscritto deve segnalare al consiglio del collegio dell’ordine di appartenenza il comportamento dei propri colleghi o di società tra professionisti iscritte all’ordine dei periti industriali e dei periti industriali laureati, contrastante con le presenti norme deontologiche e, inoltre, se richiesto, fornire spiegazioni e documenti.