Art. 29 – Codice Deontologico Psicologi Italiani

(Approvato in data 17 gennaio 1998)

 Lo psicologo può subordinare il proprio intervento alla condizione che il paziente si serva di determinati presidi, istituti o luoghi di cura soltanto per fondati motivi di natura scientifico-professionale.