Art. 26 – Codice Deontologico Veterinari

(Approvato in data 15 ottobre 2019)

Autonomia del rapporto

Il Medico Veterinario ha l’obbligo di salvaguardare gli interessi della clientela nel miglior modo possibile nell’osservanza della legge e dei principi deontologici e del consenso informato nella pratica veterinaria.
Il Medico Veterinario non deve consapevolmente consigliare interventi inutilmente gravosi, nè suggerire comportamenti, atti o negozi illeciti, fraudolenti o affetti da nullità.
Il Medico Veterinario deve rifiutare di prestare la propria attività quando dagli elementi conosciuti possa fondatamente desumere che essa sia finalizzata alla realizzazione di una operazione illecita.